page loader

Blog

LA CULTURA DEL BUON SENSO

|
Condividi:

LA CULTURA DEL BUON SENSO

6 cose da fare:
1- Mettiamo attenzione alle cose e alle parole da NON dire. Sbaglia più che puoi e correggiti continuamente nell’errore.
2- Cerchiamo le cose semplici da fare, ci renderemo conto che non le facciamo perché le cose semplici sono sempre le più difficili.
3- Inizia a guardare ciò che hai davanti e non limitarti a vederle.
4- Ogni mattina segnati 5 cose da fare e… FALLE !

5- Guarda con quale INTENZIONE fai le cose, è l’intenzione che determina un risultato di valore o di non valore.

6- Alla fine di ogni serata,
guarda alle cose che hai fatto e gioisci,
non limitarti a fare l’elenco delle cose
che non sei riuscito a fare e disperarti.

Il metodo utilizzato da Romana Monduzzi, “il metodo sartoriale” , per accompagnare e facilitare l’introduzione di una nuova personnel idea all’interno dell’azienda è un esempio lampante di come quello che sosteneva a riguardo Richard Normann sia valido tanto quando si tratta di risorse umane impegnate nei servizi, quanto per quelle che lavorano in aziende che producono beni.

Le persone rappresentano il valore aggiunto di un’azienda e ne costituiscono il capitale più prezioso e in questo senso la formazione rappresenta indubbiamente un investimento nelle persone, poiché attiva e sviluppa in loro la partecipazione e il valore dell’imprenditività, affinché assumano una professionalità più elevata attraverso l’assunzione di responsabilità e grazie all’eliminazione delle barriere che impediscono la comunicazione fra tutti i livelli dell’organizzazione.

Nel linguaggio comune la parola organizzazione è usata in due modi differenti. In alcuni casi essa denota un ente sociale fondato sulla divisione del lavoro e delle competenze, in altri invece il modo in cui un dato ente è organizzato, ossia l’aspetto organizzativo di un ente è assunto come sinonimo dell’ente stesso. I dati comuni e ricorrenti definiscono l’organizzazione come un insieme di persone formalmente riunite per raggiungere degli obiettivi  comuni.

Romana Monduzzi