page loader

Blog

Laboratorio di autoimprenditorialità

|
Condividi:

100 metri piani

una specialità sia maschile che femminile dell’ “atletica Imprenditoriale”

Nell’anno 2010 quando seguivo il Dott. Costa nella clinica mobile Valentino Rossi si ruppe la spalla ed ebbe una serie di “sfortune”. In quel periodo disse ad una intervista:

“L’unica cosa che voglio fare ora, è diventare Imprenditore di me stesso e prendere IO in mano le redini della mia vita e nessun altro”.

Laboratorio di autoimprenditorialità

Essere imprenditore di se stesso, perché?

Conoscere, comprendere, decidere e comunicare in ogni area della tua vita, è facile? No, ma potrebbe diventarlo attraverso la conoscenza della mente Imprenditiva.

La scienza scopre L’ “esperienza sintetica”

  • “A diciassette anni non si può essere seri” scriveva Arthur Rimbaud. Si può essere euforici o depressi, esaltati o sconsolati, si può essere malinconici o completamente proiettati nel futuro ma di sicuro non si può essere seri, per la serietà c’è tempo, c’è tutta la vita.
  • A 23 anni le aziende cercano giovani con esperienza e i giovani si trovano davanti ad un dilemma. Il ragazzo non può avere un impiego perché non ha esperienza, e non può acquisire esperienza perché non ha un impiego.

Gettate un uomo nell’acqua profonda e l’esperienza gli insegnerà a nuotare, ma la stessa esperienza può far affogare un altro uomo. Tra molti giovani l’esercito può “formare un uomo” ma non vi è dubbio che esso crei anche molti nevrotici. È noto da secoli che “nulla conduce al successo come il successo stesso”. Si impara ad agire con successo solo sperimentandolo, e il ricordo dei nostri successi agisce come una giuda.

Ma come fa un individuo ricordare successi se ancora non ne ha provati o ha incorso solo a fallimenti?

Tale dilemma fu risolto dalla Psicocibernetica attraverso la Vision.

È il laboratorio della nostra mente a creare la Vision della nostra vita.

Il sistema nervoso dell’umano non può stabilire la differenza fra un’esperienza “fatta” e un’esperienza immaginata intensamente e nei minimi particolari. Per quanto ci può sembrare un’affermazione un po’ esagerata, esperti in psicologia clinica e sperimentale lo hanno provato, aldilà di ogni possibile dubbio.

La Vision è il primo approccio e la prima organizzazione che un Imprenditore condivide con se stesso e con i suoi collaboratori.

Il gioco, lo sport e il movimento nei percorsi formativi sono gli strumenti giusti per apprendere l’importanza della Vision. L’esperienza mentale attraverso le immagini (Vision) mette chiarezza sulla strada da intraprendere per raggiungere tali obiettivi.

Molti individui che ne hanno fatto uso, hanno migliorato la capacità di parlare in pubblico, per superare la paura dal dentista, per vendere una maggior quantità di merce, per migliorare l’abilità al lancio del giavellotto e l’esattezza del tiro alla pallacanestro;