Classe 1988, un percorso particolare sempre incentrato sullo studio del gesto,della comunicazione e della strategia, oltre che una forte passione per l’arte e i viaggi. Michael si diploma in Grafica e Comunicazione, lavorando già dall’età di 16 anni come responsabile tecnico per una compagnia di spettacoli e fuochi d’artificio. All’età di 21 anni decide di dare un colpo di coda alla sua voglia di scoperta e di avventura e si iscrive presso un’accademia di acrobatica, dove si diplomerà con il massimo dei voti due anni più tardi. Negli stessi anni lavora come responsabile tecnico, co-responsabile di tournée e presentatore ed inizia ad approcciare gli studi di marketing e sales con vari corsi e studi serrati. Scopre che il mondo dell’acrobatica e dello studio così meticoloso delcorpo, hanno in sé, insieme alla messa in scena, qualcosa di molto affine con la comunicazione e il marketing.

Terminata l’accademia, si approccia al mondo aziendale, affiancando una realtà di formazione e consulenza del settore meccanico e metal-meccanico, mentre al contempo studia lingue, imparando oltre all’inglese anche il francese, lo spagnolo e il portoghese. Forte di quello che impara a fianco di counselor, consulenti e in una scuola di
studio della comunicazione non verbale e della pantomima che frequenta a Torino, inizia a scrivere formazioni dedicate ai reparti aziendali sulla consapevolezza del corpo e del gesto. Nel frattempo, alimentando sempre la passione per il palco e per la scrittura, a tempo perso colleziona qualche piccola grande soddisfazione: premi letterari, premi di cabaret per la scrittura e la messa in scena, fino al punto in cui decide di scrivere uno spettacolo teatrale completo in cui tutta la storia fosse raccontata senza l’uso di nemmeno una parola: una sorta di tesi in cui vuole mettere in pratica tutte le nozioni acquisite sulla comunicazione non verbale, per scoprire fino a chepunto possano arrivare. Lo spettacolo sarà nel 2015 il primo One Man Show di un Italiano ad esordire a Broadway.

Nello stesso anno, la vittoria del premio Confesercenti e il ritorno dall’America, gli fanno chiudere definitivamente la sua esperienza con il palcoscenico, che sarebbe diventato un impegno troppo rilevante nonché una distrazione al suo percorso lavorativo e che mantiene come passione solo da spettatore. Soddisfatto e contento di aver realizzato
quel piccolo pezzo di storia, si dedica dal 2016 unicamente al mondo aziendale, diventando il Responsabile Commerciale di una storica tipografia (Tipografia Valgimigli), approfondendo tutti gli aspetti inerenti al branding, al merchandising e alla comunicazione video. La sua forte ambizione lo porta a creare un portfolio clienti molto importante, tra cui aziende leader mondiali nel mondo della meccanica, del food e del mondo medicale.

Eppure continua a pensare che il marketing sia sempre più lo strumento che vuole affinare per metterlo al servizio del reparto sales. Nel 2018 sposta definitivamente la sua attenzione sul marketing ed inizia a lavorare anche in libera professione. I primi piccoli clienti gli permettono di mettere a frutto tutte le nozioni acquisite.
Nel 2019 lascia la tipografia e da due anni lavora per due importanti aziende leader nel mondo medicale (ambito riabilitativo), nel ruolo di Marketing Specialist con focus specifico sul Sales Marketing e sulle campagne di Lead Generation, che sono oggi la sua skill più affinata. I risultati delle sue campagne di generazione di nuovi potenziali clienti, sono sempre più precise e i contatti sempre più mirati, tanto che la sua figura diventa un importante supporto anche per la rete vendita. Michael continua quotidianamente i suoi
studi ed approfondimenti, per raggiungere le sue future ambizioni. La base fondamentale del suo pensiero è che ​l’impossibile esiste solo nella testa di chi
non vuole renderlo possibile.

 

 

Close Bitnami banner
Bitnami